domenica 28 gennaio 2018

QUANTO VALE UN CERTIFICATO ANAGRAFICO


Avete un certificato anagrafico (residenza, stato di famiglia, matrimonio) nel cassetto ed esitate a usarlo perché non sapete se è ancora valido? Vi state chiedendo: quanto vale un certificato anagrafico? In questo post risponderò a questo banale quesito che può risultare utile a quanti si trovano nelle condizioni di capire quanto dura un documento anagrafico. Sulla validità dei certificati amministrativi ho già risposto in un altro articolo che trovate qui, nel caso specifico a dirimere qualunque dubbio ci pensa il d.P.R. 445/2000 che all'art. 41 prescrive: “I certificati rilasciati dalle pubbliche amministrazioni attestanti stati, qualità personali e fatti non soggetti a modificazioni hanno validità illimitata. Le restanti certificazioni hanno validità di sei mesi dalla data del rilascio se disposizioni di legge o regolamentari non prevedono una validità superiore”. Appare del tutto evidente che alcuni certificati anagrafici essendo sottoposti a modificazioni nel tempo (come nei certificati sopra citati per esempio: la residenza, lo stato di famiglia come pure quello di matrimonio, che possono subire modificazioni nel tempo) hanno una validità di sei mesi, mentre un certificato di nascita (per fare un altro esempio) non essendo soggetto a modificazione avrà validità illimitata.